La metà oscura

http://altadefinizione.onl/wp-content/uploads/2013/07/imm-51.jpg

Dopo aver avuto successo con romanzacci firmati con uno pseudonimo, uno scrittore decide di scrivere libri più degni col suo vero nome, ma l'”altro” gli si presenta minaccioso in carne e ossa, deciso a fargli cambiare idea. Da un romanzo (1989) di Stephen King che in gioventù firmò diversi romanzi come Richard Bachman. Un’altra metafora sul tema della creazione letteraria all’insegna dello sdoppiamento. Parzialmente riuscito con una memorabile sequenza finale, quella dei fringuelli. Piuttosto bravo T. Hutton nella doppia parte. Fonte Trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *