Gangster Number 1

http://altadefinizione.onl/wp-content/uploads/2014/01/Gangster-number-1.jpg

Da una pièce di Louis Mellis e David Scinto. Il film si inserisce nei (quasi) nuovi filoni del cinema inglese, uno dei quali detta legge (quello social-sentimentale alla Full Monty e alla Billy Elliott), mentre l’altro cerca di rincorrere lo stile americano della violenza mettendoci un qualcosa in più, come nel caso di Snatch e di questo suo contemporaneo Gangster n.1. Il qualcosa in più, in questo caso, è un buon impianto di scrittura, derivato dalla qualità della pièce, e se vogliamo anche la presenza del quasi canuto Malcom McDowell, sempre in odore postumo di Arancia meccanica. Il protagonista è un gangster anziano e arrivato, soddisfatto di sè che racconta la propria carriera e le varie imprese che lo hanno portato ad essere il numero uno. Non può mancare il confronto con un antagonista altrettanto (o forse più) cattivo, così come non manca la dark lady che si mette in mezzo, proprio secondo gli antichi schemi dei leggendari film della Warner, con Cagney e Bogart. Regia intensa, linguaggio forte, forse un po’ sopra le righe. Ma il film c’è. Fonte trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *